Cosa mangiare quando si viene a Ferrara ? Primi piatti - Bed & Breakfast La Corte di Occhiobello

B&B
Bed and Breakfast
LA CORTE
Occhiobello
Casa di Campagna
con piscina.
Vai ai contenuti

Menu principale:

Curiosita' > Cosa Mangiare
cosa mangiare a ferrara, dormire a ferrara, b&b a ferrara
PIATTI TIPICI FERRARESI.
Cosa Mangiare quando sei a Ferrara.

Primi piatti:
Il gusto per i cibi di un certo tipo era caratteristico della corte degli Estensi di Ferrara e dei Gonzaga di Mantova, ed è probabile che i frequenti contatti tra le due città abbiano portato influenze reciproche oltre che nei costumi anche nelle abitudini culinarie. Le minestre più tipiche della nostra città sono nate in un clima che sta tra il miracolo e la fuga di notizie. Esse erano contese tra scalchi, nozze tra nobili, discussioni e dissensi in special modo tra i ferraresi ed i vicini abitanti di Bologna.
»La sfoglia ricca di uova, farina, e lavorata pazientemente dalle massaie, è tipica della cucina ferrarese.





»Tagliatelle: classico piatto della tradizione emiliana, è costituito da "striscie" dalla forma allungata e piatta, derivate dal sapiente taglio a mano della pasta sfoglia. Sono condite nei modi più diversi, ma la tradizione le vuole con il ragù di carne "alla bolognese".
Pare che il miracolo delle tagliatelle si sia verificato il 29 maggio 1503, presso la Delizia Belriguardo, in occasione del matrimonio tra Alfonso II d'Este e Lucrezia Borgia per merito dello scalco Cristoforo da Zeffirano, create forse a ricordo dei capelli biondi di Lucrezia al suo arrivo a Ferrara; ricetta poi tramandata da Messisbugo.






»Cappellacci (capplàzz): grossi tortelli pieni di zucca, realizzati con qualche variante rispetto alla ricetta dei noti "cugini" mantovani. Questo piatto tipicamente locale pare abbia avuto le origini nel Centese e nel Bondesano, per poi diffondersi esclusivamente nella nostra provincia. Le origini di questo piatto risalgono al tempo degli estensi, tra l'altro ricetta del 1584 di Giambattista Rossetti, scalco di Lucreazia d'Este.










»Cappelletti ferraresi: si differenziano da quelli bolognesi (i cosidetti "tortellini") e da quelli romagnoli per il loro ripieno meno grasso, ovvero con la goletta di maiale fresca. La leggenda vuole che essi siano stati ricavati dal calco dell'ombelico di Venere.











»Lasagne: specie quelle pasticciate, hanno origine prettamente ferrarese; più larghe e servite cosparse di grana e ragù, servite anche verdi se impastate con spinaci tritati.Le lasagne hanno dato vita e fortuna ad un personaggio del teatro dialettale "lasagnin" e di "Tabalori".








»Pasticcio di maccheroni: sontuoso piatto tipico di Ferrara del periodo di Carnevale, composto da maccheroni conditi con ragù di carni miste, funghi, tartufo e besciamella contenuti in un involucro di pasta frolla indorato al forno. Definita come un capolavoro di talento gastronomico, un piatto che è insieme dolce e salato, gustoso e sostanzioso; la forma può essere paragonata al cappello di un prete.


cosa mangiare a ferrara, dormire a ferrara, b&b a ferrara
 
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu